Chi sono i Tutor di You Can Camp

Conosciamo i tutor di You Can Camp

L’attesa è quasi finita… tra qualche giorno inizieranno i nostri Day Camp presso le scuole di varie città e tra un mese esatto sarà la volta del Teens Village e del Kids Village.

Sia nel caso dei camp giornalieri che di quelli in formula residenziale, le attività in inglese sono svolte da Tutor Madrelingua inglese.

In questo articolo cercheremo di conoscerli più da vicino e capire da dove vengono e soprattutto perché scelgono di partecipare alle nostre iniziative.

Chi sono i nostri tutor madrelingua

I nostri tutor madrelingua non sono persone originarie di Paesi anglofoni che vivono già in Italia.
Sono, infatti, tutti ragazzi di età generalmente compresa tra i 20 e i 30, che vengono in Italia appositamente per insegnare l’inglese nei nostri English Summer Camp.

Provengono soprattutto da Stati Uniti, Inghilterra e Canada ed hanno, quindi, accenti e background molto diversi fra loro, ma sono tutti accomunati da una forte passione per la formazione di bambini e ragazzi.

Alcuni, infatti, sono insegnanti o educatori oppure stanno studiando per diventarlo.

Nei loro paesi di provenienza, i tutor possono scegliere diversi percorsi universitari inerenti all’insegnamento come l’Elementary Education Program, che li inserirà nelle scuole primarie, o il  Teacher Education Program per poter esercitare nella scuole secondarie di primo e secondo grado.
Nonostante la giovane età, la maggior parte di loro già insegna perché il percorso scolastico prevede delle esperienze lavorative all’interno delle scuole.

Inoltre, spesso i nostri tutor hanno esperienze in Summer Camps nel loro paese di origine. Negli Stati Uniti, in particolare, il Summer Camp è un vero e proprio evento, dietro al quale ci sono delle organizzazioni molto grandi che, in alcuni casi, operano addirittura a livello internazionale.

Ma che cosa spinge questi ragazzi a fare un’esperienza di insegnamento all’estero?

tutor madrelingua insegnanti

Come è facile immaginare, andare all’estero ad insegnare a qualcuno che non parla la tua lingua non è esattamente una cosa semplice.

Per questi ragazzi è un modo per mettersi veramente in gioco e accettare una sfida in un contesto internazionale per loro del tutto sconosciuto.

Ogni volta che si accettano delle sfide e si sceglie di uscire dalla propria area di comfort si acquisisce, in compenso, una grande maturità. Non a caso i responsabili delle Risorse Umane valutano molto positivamente esperienze di questo tipo. Quindi, per molti partecipare è un modo anche per arricchire il proprio curriculum con un’esperienza di vita che li renderà capaci di accettare le sfide lavorative con una grandissima marcia in più.

Tutti siamo d’accordo, inoltre, sul fatto che viaggiare è il mondo più efficace per conoscere meglio anche il proprio Paese. Infatti, scoprendo nuove culture ci si rende conto, per differenza, quali sono gli aspetti che caratterizzano il Paese in cui siamo cresciuti e di cui abbiamo assorbito i modi di fare senza neanche accorgercene.

Questo è ancora più vero quando, oltre a viaggiare da normale turista che soggiorna in un hotel, si sceglie di inserirsi per un certo periodo anche nel mondo del lavoro, collaborando così con persone di altre nazionalità e immergendosi in modo ancora più intenso nella cultura del Paese in cui si viaggia.

Perché in Italia e perché con You Can Camp

Come sappiamo bene, l’Italia è una destinazione da sogno per gli stranieri, soprattutto per quelli d’oltreoceano.  La nostra cultura e le nostre tradizioni sono ben conosciute attraverso il cinema, l’arte, la moda, la cucina. E’ difficile non subire il fascino dei nostri colori, del nostro clima, dei nostri contrasti e, infatti, molti scelgono proprio l’Italia per fare un’esperienza di scambio culturale.

I tutor che partecipano alle iniziative di You Can Camp sono incoraggiati a partire perché sanno che possono contare su un’organizzazione che li forma già prima di arrivare. I tutor ricevono un training on line e quando arrivano in Italia ricevono un’ulteriore formazione sul programma e il materiale a disposizione.

In realtà, visto che i tutor hanno esperienza nel settore utilizzano come base il nostro programma e poi apportano delle modifiche che si adattano maggiormente al loro modo di insegnare e al gruppo che hanno di fronte.

Questo fa si che ogni anno partecipare al Camp sia sempre una novità perché ogni anno le persone sono diverse.

Un legame di lungo periodo

tutor in famiglia

Quando i genitori dei ragazzi che partecipano al Day Camp danno la propria disponibilità ad ospitare un tutor, questi hanno l’opportunità di vivere in famiglia e condividere i momenti di quotidianità come la preparazione del pranzo della, una serata barbecue, una passeggiata o una gita fuoriporta.

Si crea così il contesto in cui ognuno può donare all’altro un pezzo di sé e della propria cultura, creando un legame che non si esaurisce nel tempo del soggiorno, ma al contrario resiste per anni nonostante la distanza.

Capita, infatti, che chi ha ospitato diventa a sua volta ospite e che entrambi diventino un punto di riferimento, qualcuno su cui contare in quel Paese nel caso vi si faccia ritorno.

Il bello dello scambio culturale è proprio questo, cioè il fatto di essere un’esperienza in cui tutti si arricchiscono e che viene conservata per sempre tra i propri ricordi.

Se ancora non ti sei iscritto ai nostri programmi, contattaci al numero  3891506108  per ricevere maggiori informazioni o lascia un messaggio nella sezione Contattaci del nostro sito.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − sette =